Search
  • Raffaela

Intervista a Carlo Audino



Classe 1964, Carlo Audino è un musicista italiano che ha iniziato a suonare la chitarra nel 1979, seguendo le orme del padre Antonio. Nel giro di pochi mesi inizia a scrivere le sue prime canzoni ispirandosi a lui, ma anche ad altri cantautori, in particolare Ivan Graziani. Negli anni successivi partecipa a innumerevoli festival e concorsi musicali durante i quali entra in contatto con altri artisti della sua età.


Nel 1996 e 1997 Carlo è all'Accademia della Canzone di Sanremo con un giovane e sconcertato amico dell'epoca: Tiziano Ferro. Nel frattempo, crea uno studio di registrazione per poter fissare le sue emozioni e migliorare le sue qualità di arrangiatore e tecnico del suono. Ha suonato ininterrottamente con band più o meno improvvisate e in duo in moltissimi piano bar e pub, soprattutto a Roma e provincia, ma anche a Milano e nel centro Italia.


Dal 2001, pur mantenendo la sua attività live, Carlo ha rallentato la sua carriera di compositore per dare più spazio al matrimonio e alla famiglia, ma dopo il divorzio ha ricominciato a scrivere canzoni e a riprenderne di più vecchie. Nel 2012, un gravissimo incidente in moto quasi lo uccise e gli distrusse il polso e il braccio sinistro, facendo dire ai medici che non avrebbe mai più suonato la chitarra. Nonostante tutto, dopo qualche anno, decise di riprovarci, suonando l'accompagnamento, con altri chitarristi e flautisti maturi, degli inni ecclesiastici durante le funzioni della chiesa di St John Fisher a Rochester (UK), dove ha vissuto per alcuni anni. Nell'arco di poche domeniche prende pian piano dimestichezza con questo nuovo modo di suonare, riprendendo anche a suonare la chitarra in vari locali vicino a Londra.


Nel 2021 Carlo decide di dare una possibilità a vecchie e nuove canzoni. Così, come si farebbe tirando fuori un foglio alla volta da una cartella polverosa, li sta estraendo, variando contemporaneamente testi e musica per renderli più in linea con il mondo attuale.



Born in 1964, Carlo Audino is an Italian musician who began playing the guitar in 1979, following in the footsteps of his father Antonio. Within a few months, he began to write his first songs inspired by him, as well as by other songwriters, especially Ivan Graziani. In the following years, he participated in countless festivals and music competitions during which he came into contact with other artists of his age.


In 1996 and 1997, Carlo was at the Sanremo Song Academy with a young and bewildered friend of the time: Tiziano Ferro. In the meantime, he created a recording studio to be able to fix his emotions and improve his qualities as an arranger and sound engineer. He played continuously with more or less improvised bands and in duos in many piano bars and pubs, especially in Rome and its province, but also in Milan and central Italy.


Since 2001, while maintaining his activity playing live shows, Carlo slowed down his songwriting career to give more space to marriage and family, but after his divorce, he started writing songs again and picking up older ones. In 2012, a very serious motorcycle accident almost killed him and destroyed his wrist and left arm, causing the doctors to say he could never play the guitar again. Despite everything, after a few years, he decided to try again, playing the accompaniment, with other mature guitarists and flutists, for the ecclesiastical hymns during the functions of the St John Fisher church in Rochester (UK), where he has lived for some years. Over the span of just a few Sundays, he gradually became familiar with this new way of playing, also starting to make play guitar again in various clubs near London.


In 2021, Carlo decided to give old and new songs a chance. Thus, as would be done by pulling out one sheet at a time from a dusty folder, he is extracting them, simultaneously varying lyrics, and music to make them more in line with the current world.


 

Cosa ti ha ispirato a diventare un musicista?

What inspired you to become a musician?


Nella mia famiglia si è sempre fatta molta musica: ricordo che ogni compleanno o festa comandata era la perfetta occasione per stare tutti insieme a mangiare, giocare e cantare! Mio zio suonava la fisarmonica e mio padre la chitarra. Era quindi inevitabile che noi, figli e nipote vario, venissimo contagiati dalla vena artistica.


In my family there has always been a lot of music: I remember that every birthday or party was the perfect occasion to be all together to eat, play and sing! My uncle played the accordion, and my father played the guitar. It was therefore inevitable that we, children, and various grandchildren, would be infected by the artistic vein.


Quanti anni avevi quando hai iniziato a suonare?

How old were you when you started playing (music)?


Nel 1979, ragazzo quindicenne, decisi di imbracciare la chitarra di mio padre che era appesa per la cinghia su due chiodi in sala da pranzo e, grazie ai primi rudimenti forniti proprio dal mio "boss", ho cominciato a suonarla e si è così aperta un'autostrada di possibilità ed occasioni che mi hanno aiutato sia nell'adolescenza da timido che nella vita successiva fino ad arrivare ai giorni nostri.


In 1979, as a fifteen-year-old boy, I decided to take up my father's guitar which was hanging by the strap on two nails in the dining room and, thanks to the first rudiments provided by my "boss", I started playing it and it opened up. a highway of possibilities and opportunities that helped me both in shy adolescence and in later life up to the present day.


Come descriveresti la tua musica?

How would you describe your music?


Le mie canzoni nascono da esperienze dirette oppure da emozioni provate comunque in prima persona ed esse cercano di trasmettere, tramite parole e musica, quella stessa sensazione a più persone possibili. Siccome le emozioni/sensazioni possono essere di molti tipi, anche la mia musica è assai ampia, passando dal rock al pop, dal latino al country, dal sound tradizionale a quello sperimentale. Lo stesso dicasi per la scelta delle sequenze armoniche come pure delle costruzioni dei testi. Comunque, grossolanamente, la mia è musica pop/rock ma vado molto a braccio. ;)


My songs are born from direct experiences or from emotions felt in the first person and they try to convey, through words and music, that same feeling to as many people as possible. Since emotions/sensations can be of many types, my music is also very broad, ranging from rock to pop, from Latin to country, from traditional to experimental sound. The same applies to the choice of harmonic sequences as well as the construction of the texts. Anyway, roughly, mine is pop/rock music but I go a lot off the cuff. ;)


Dove ti sei esibito? Hai dei prossimi concerti?

Where have you performed? Do you have any upcoming shows?


Ho suonato in molti locali di Roma e Milano, oltre che a sporadiche esibizioni nel centro Italia. Negli anni passati ho girato molto con le varie band, ma difficilmente eseguivamo i miei brani. Per ora ancora non ho pianificato alcun concerto, anche perché molti dei locali che facevano live-music hanno sospeso l'attività temporaneamente e qualcuno, purtroppo, definitivamente, a causa della pandemia. Vedremo se per l'estate 2022 si riuscirà ad organizzare qualche data.


I have played in many clubs in Rome and Milan, as well as sporadic performances in central Italy. In the past few years, I have toured a lot with various bands, but we hardly performed my songs. For now, I have not yet planned any concerts, also because many of the venues that did live music have suspended their activity temporarily and some, unfortunately, definitively, due to the pandemic. We will see if for the summer 2022 it will be possible to organize some dates.


Dov'è il luogo del tuo concerto ideale?

Where would your ideal concert be?


Essendo Romano, ho sempre fantasticato di esibirmi nello Stadio Olimpico oppure nello storico Circo Massimo però non mi dispiacerebbe affatto creare degli eventi più intimi in qualche bel teatro. Va bene, lo ammetto, anche l'Arena di Verona ha quel non-so-che di fortemente attraente...


Being a Roman, I have always fantasized about performing in the Olympic Stadium or in the historic Circus Maximus, but I would not mind at all creating more intimate events in some beautiful theater. Okay, I admit it, even the Arena di Verona has that something strongly attractive...


Qual è la tua canzone preferita da esibire?

What is your favorite song to perform?


Sinceramente mi piacciono tutte allo stesso modo anche se ce ne sono alcune che, in varie occasioni, sono state cantate in coro dal pubblico creando una forte emozione in tutti, me compreso. Di quelle uscite finora si può senz'altro evidenziare "Bosko e Admira" ma anche "Mago Merlino".


Honestly, I like them all the same even if there are some that, on various occasions, have been sung in chorus by the audience, creating a strong emotion in everyone, including myself. Of those released so far, we can certainly highlight "Bosko e Admira" but also "Mago Merlino."


Quali musicisti celebri ammiri?

Which famous musicians do you admire?


Premesso che mi piace tutta la musica (e per tutta intendo proprio tutta!), famosi musicisti che ammiro sono Ivan Graziani, Phil Woods, Pat Metheny, Alex Britti, Eddie Van Halen ed un'altra biliardata di persone che quando toccano uno strumento musicale lo rendono vivo ed espressivo. Come musicisti "vocali" mi emozionano "Il volo", Andrea Bocelli, Lady Gaga, Adele e Laura Pausini (ma anche qui la lista è molto più lunga in effetti).


Given that I like all music (and by all, I mean all!), Famous musicians that I admire are Ivan Graziani, Phil Woods, Pat Metheny, Alex Britti, Eddie Van Halen, and another billion people who when they touch a musical instrument make it alive and expressive. As "vocal" musicians, "Il volo", Andrea Bocelli, Lady Gaga, Adele and Laura Pausini excite me (but even here the list is much longer in fact).


Qual è il miglior consiglio che ti è stato dato?

What is the best advice you’ve been given?


Un consiglio me lo diede con i suoi comportamenti un adolescente cicciottello nel 1997 quando testardamente mi portò a vedere "Air force one" al teatro-cinema di Sanremo per il gusto di salire, durante i titoli di coda, sul palco (facendosi sgridare e cacciare dal custode) e poter contemplare la platea come l'avevano fatto anni prima Eros Ramazzotti, Laura Pausini, Vasco e altri! Come quel giorno, anche se ci scartarono dal concorso musicale che facevamo insieme, lui continuò ad insistere ed ancora insistere negli anni successivi, anche quando lo persi di vista. Alla fine, riuscì: lui si chiama Tiziano Ferro e, involontariamente, mi ha confermato che il consiglio migliore per chi vuole ottenere una cosa è quello di insistere e insistere e ancora insistere.


A chubby teenager gave me a piece of advice with his behavior in 1997 when he stubbornly took me to see "Air force one" at the Sanremo theater-cinema for the sake of getting on stage during the closing credits (getting scolded and chased from the caretaker) and to be able to contemplate the audience as Eros Ramazzotti, Laura Pausini, Vasco and others had done years before! Like that day, even if they discarded us from the musical contest we did together, he continued to insist and still insist in the following years, even when I lost sight of him. In the end he succeeded: his name is Tiziano Ferro and, involuntarily, he confirmed to me that the best advice for those who want to achieve something is to insist and insist and still insist.


Se potessi cambiare qualcosa nel settore della musica, quale sarebbe?

If you could change something about the Music Industry, what would it be?


Mi sembra che stiamo vivendo un periodo abbastanza interessante dal punto di vista artistico. Ci sono delle belle voci, dei personaggi più o meno magnetici. Assistiamo alla sperimentazione di nuovi modi di cantare e di esporre i testi. Anche se cambia il modo di intonare, l'obiettivo di trasmettere sentimenti è spesso raggiunto: ognuno lo fa come ritiene più opportuno. Sinceramente non credo cambierei granché. Magari mi rendo conto (e non parlo di me) spesso artisti emergenti non riescono neanche ad affiorare in superficie e vengono circondati dagli "squali" che fanno perdere tempo, soldi e, soprattutto, entusiasmo. Della scena musicale Italiana senz'altro cambierei la sensibilità dei Direttori Artistici delle Radio e Televisioni e li inviterei ad aprire un minimo di attenzione anche a chi non fa parte delle prime 50 posizioni in classifica, i cosiddetti "grandi successi". Ma poi chi stila la classifica? E soprattutto: perché una classifica? I più bravi? I più belli? Ecco, si, questa è una cosa che proprio non reggo ma che ho focalizzato solo andando dall'altra parte della barricata: spesso alzata dalle finte classifiche di comodo oltre di essa ci sono il fior fiore di artisti bravissimi che non se li fila nessuno poiché non hanno alcuno spazio dove esibirsi. Le radio più grandi fanno solo il gioco degli investitori di musica, anche internazionale, e quando si parla di giovane proposta c'è quasi sempre dietro o un colpo di fortuna, o un colpo di telefono oppure semplicemente un colpo. Ringrazio quelle poche emittenti radio e/o televisive il cui motto è "100% solo buona musica: basta coi grandi successi, thanks".


It seems to me that we are living in a fairly interesting period from an artistic point of view. There are beautiful voices, more or less magnetic characters. We are witnessing the experimentation of new ways of singing and exposing the lyrics. Even if the way of intoning changes, the goal of conveying feelings is often achieved: everyone does it as he sees fit. Honestly, I don't think I would change much. Maybe I realize (and I'm not talking about myself) often emerging artists fail to even surface and are surrounded by "sharks" that waste time, money and, above all, enthusiasm. Of the Italian music scene, I would certainly change the sensitivity of the Artistic Directors of Radio and Television and I would invite them to pay attention to those who are not in the top 50, the so-called "great hits". But then who draws up the ranking? And above all: why a ranking? The best? The most beautiful? Here, yes, this is something that I just can't stand but that I focused only by going to the other side of the fence: often raised by the fake rankings of convenience beyond it there are the flower of very good artists who do not rank them because nobody they have no space to perform. The biggest radios are only the game of music investors, even international ones, and when it comes to a young proposal, there is almost always a stroke of luck, a telephone call or simply a stroke. I thank those few radio and/or television stations whose motto is "100% only good music: enough with great hits, thanks".


Qual è un messaggio che vorresti dare ai tuoi fan?

What is a message you would like to give to your fans?


Il messaggio più importante è che devono far sentire la propria presenza. A volte ci si sente soli come artisti ed alle volte sconfortati e scoraggiati. Si resta perplessi se un brano piaccia oppure no. Magari si legge una recensione negativa o comunque non proprio positiva ed allora ti crolla tutto addosso. Pensi che hai sbagliato a voler uscire con quel brano piuttosto che con un altro, oppure metti in discussione tutta la tua linea artistica, la tua voce, il modo di arrangiare, insomma uno sfacelo! Ecco: se ci sono fan il loro compito importantissimo, oltre che ascoltare la mia musica, è sicuramente quello di farsi sentire! Pollici alzati su YouTube, cuori accesi su Spotify, messaggi sulle mie pagine Social. Questo è un messaggio importante che credo faccia piacere anche agli altri artisti, specie se emergenti, come me.


The most important message is that they need to make their presence felt. Sometimes you feel alone as an artist and sometimes discouraged and discouraged. We are perplexed whether we like a song or not. Maybe you read a negative review or in any case not really positive and then everything collapses on you. Do you think you were wrong to want to go out with that song rather than another, or you question your whole artistic line, your voice, the way of arranging, in short, a mishap! Here: if there are fans, their very important task, as well as listening to my music, is certainly to make themselves heard! Thumbs up on YouTube, hearts lit on Spotify, messages on my social pages. This is an important message that I think also pleases other artists, especially emerging ones, like me.


Qual è il prossimo per te? (Prossimo Progetto)

What’s next for you?


Sempre in attesa di possibili esibizioni live, continuerò a sfornare un brano al mese e, appena ne avrò pronto uno, anche una raccolta di brani (qualcuno già uscito, altri inediti) raggruppati per tema comune. Posso anticipare che il brano che uscirà ad Ottobre si abbina perfettamente a "Mago Merlino". Quello di Novembre è molto autobiografico e non voglio rovinare la sorpresa. Invece la canzone di Dicembre vede un protagonista a quattro zampe ma non è la vitellina "Carolina". Nel frattempo, mi piacerebbe sfornare il mio primo EP entro quest'anno ed un album completo per il prossimo anno.


Always waiting for possible live performances, I will continue to churn out a song a month and, as soon as I have one ready, also a collection of songs (some already released, others unpublished) grouped by common theme. I can anticipate that the song released in October matches perfectly with "Mago Merlino". The November one is very autobiographical, and I don't want to spoil the surprise. Instead, the December song sees a four-legged protagonist, but it is not the calf "Carolina". In the meantime, I would like to churn out my first EP this year and a full album for next year.


 

Links:

Website

Instagram

Facebook


 

Translations have been edited for clarity

32 views0 comments

Recent Posts

See All

Amanda