Search

Intervista con Olita | @marco.olita (Italiano & English)

Updated: Mar 11



Marco Olita, in arte, “Olita”, è un'artista nato a Castrovillari (CS) il 9 settembre 1987. Calabrese di nascita, romano di adozione. La sua passione musicale nasce da un cambio generazionale. Il padre lo ha "battezzato" facendogli ascoltare i grandi cantautori italiani e pionieri della musica americana come De Andrè, Dalla, Elvis Presley, Chuck Berry, BB King, Ray Charles ed Eric Clapton.


Marco ha iniziato i suoi studi nel 2002, partendo da scuole private romane come le storiche Cherubini e Pensagramma, fino ad arrivare alla Scuola di Musica del Collegio di Santa Luisa. Successivamente, ha proseguito gli studi insegnando da solo, e ha iniziato a comporre sia in italiano che in inglese.


In questo periodo Marco conosce Gabriele Roia, ora bassista dei Gazzelle e dei Réclame, figura che si è rivelata importante per la sua carriera. Grazie a Gabriele ha creato la Marco Olita Band. Il gruppo è inizialmente formato da loro con Alessandro Pollio alle tastiere. Successivamente, Danilo Ombres si unirà al gruppo anche come batterista.


Il progetto si è concluso quando Marco si è trasferito in Belgio con la sua compagna. Sebbene la band abbia chiuso i battenti, i rapporti con i membri del gruppo sono sempre rimasti forti. Nella sua avventura belga, Marco ha trovato nuovi compagni di viaggio con i quali ha partecipato a uno street tour in giro per l'Europa (Germania, Polonia, Italia), oltre che due volte allo Strassen Musik Festival di Ludwigsburg, ottenendo il terzo posto nel 2018 e il secondo nel 2019.


Nonostante i riscontri positivi all'estero, la voglia di tornare a casa di Marco è forte. In tutto questo tempo si è tenuto informato sulla scena musicale italiana. Gabrielle Roia ha spinto la cantautrice verso una nuova direzione: l'indie.


In questa forma musicale, Marco ha trovato la sua dimensione. Nel 2020 torna alla conquista dell'Italia e pubblica i suoi primi due singoli sotto il nome di Olita: "Vuoi Vedere" e "Forse no". Nel febbraio 2021 pubblica il suo terzo singolo, "Nebbia".



Olita, stage name of Marco Olita, is an Italian artist born in Castrovillari (CS) on 9 September 1987. Calabrese by birth, Roman by adoption. His musical passion comes from a generational change. His father "baptized" him by making him listen to the great Italian songwriters and pioneers of American music such as De Andrè, Dalla, Elvis Presley, Chuck Berry, BB King, Ray Charles and Eric Clapton.


Marco began his studies in 2002, starting from private Roman schools such as the historic Cherubini and Pensagramma, until he arrived at the Saint Louise College School of Music. Subsequently, he continued his studies teaching himself, and began to compose both in Italian and English.


In this period Marco met Gabriele Roia, now bassist of Gazzelle and Réclame, who is a figure that proved to be important for his career. Thanks to Gabriele, he created the Marco Olita Band. The group is initially formed by them with Alessandro Pollio on keyboards. Later, Danilo Ombres will also join the group as a drummer.


The project ended when Marco moved to Belgium with his partner. Although the band closed its doors, the relationships with the members of the group always remained strong. In his Belgian adventure, Marco found new travel companions with whom he participated in a street tour around Europe (Germany, Poland, Italy), as well as took part twice in the Strassen Musik Festival in Ludwigsburg, obtaining third place in 2018 and second place in 2019.


Despite the positive feedback abroad, Marco’s desire to go home is strong. Throughout this time, he kept himself informed on the Italian music scene. Gabrielle Roia pushed the singer-songwriter towards a new direction: indie.


In this musical form, Marco found the dimension of him. In 2020, he returned to the conquest of Italy and released his first two singles under the name of Olita: "Vuoi Vedere,” and "Forse no". In February 2021 he released his third single, "Nebbia."


Cosa ti ha ispirato a diventare un musicista?

What inspired you to become a musician?


La musica stessa ti ispira a volerla condividere, De Andrè diceva “E se la gente sa, e la gente lo sa, che sai suonare; suonare ti tocca per tutta la vita e ti piace lasciarti ascoltare.”


Non aggiungerei altro.


Music itself inspires you to want to share it, De Andrè said “And if people know, and people know, you can play; playing touches you all your life and you like to let yourself be heard.


I wouldn't add anything else.


Quanti anni avevi quando hai iniziato a suonare?

How old were you when you started playing (music)?


Ho iniziato a strimpellare a 14 anni.


I started strumming at 14.


Come descriveresti la tua musica?

How would you describe your music?


Malinconica, tenera ed elegante.


Melancholic, tender and elegant.


Dove ti sei esibito? Hai dei prossimi concerti?

Where have you performed? Do you have any upcoming shows?


Mi sono esibito in molti posti in Europa: Dai locali e i festival in Belgio e Germania alle feste private in Inghilterra, e per le strade d’Italia, Polonia, Germania, Belgio. Ovviamente nei locali della scena romana e nel Lazio, Rimini e molti altri.


Concerti prossimi non ne ho, qualcuno ne ha in questo periodo? A parte gli scherzi, credo che mi esporrò un po’ di più sulle piattaforme video nell’attesa che ripartano i bei tempi della musica dal vivo.


I have performed in many places in Europe: From clubs and festivals in Belgium and Germany to private parties in England, and on the streets of Italy, Poland, Germany, Belgium. Obviously in the clubs of the Roman scene and in Lazio, Rimini and many others.


I don't have any upcoming concerts; does anyone have any in this period? Seriously, I think I will expose myself a little more on video platforms while waiting for the good times of live music to start again.


Dov'è il luogo del tuo concerto ideale?

Where is your ideal place to perform?


Vado matto per i palazzetti, un po’ più intimi degli stadi e un po’ più importanti dei locali. Ovviamente tendo a crescere e migliorare in tutto, perciò se si andasse a finire agli stadi sarebbe magnifico.


I love sports arenas, a little more intimate than stadiums and a little more important than clubs. Obviously, I tend to grow and improve in everything, so if it ended up in stadiums it would be great.


Qual è la tua canzone preferita da esibire?

What is your favorite song to perform?


Non credo di avere una risposta unica. Adoro le canzoni con le armonie non scontate.


I don't think I have a single answer. I love songs with unexpected harmonies.


Quali musicisti famosi ammiri?

Which famous musicians do you admire?


L’elenco è molto lungo, adoro i cantautori italiani e il Blues americano e inglese.


The list is very long, I love Italian songwriters and American and English Blues.


Qual è il miglior consiglio che ti è stato dato?

What is the best advice you’ve been given?


“Da qualche parte bisogna cominciare” non so se è un consiglio o una frase fatta, i miei me lo dicevano spesso.


Credo che aspettare di essere pronti sia inutile perché l’ho fatto ed è un’attesa vana.

Bisogna cominciare! Non si è mai pronti a nulla perché nulla è totalmente prevedibile.


"You have to start somewhere" I don't know if it's a piece of advice or a cliché, my parents often told me.


I believe that waiting to be ready is useless because I have done it and it is a vain wait.

We must start! You are never ready for anything because nothing is totally predictable.


Se potessi cambiare qualcosa nel settore della musica, quale sarebbe?

If you could change something about the Music Industry, what would it be?


Mi piacerebbe che le persone non pagassero per ottenere risultati falsi, non serve a loro e danneggia tutto il sistema. Bisognerebbe essere più auto critici e prendersi le responsabilità dei fallimenti.


I would like people not to pay for false results, it is of no use to them, and it damages the whole system. We should be more self-critical and take responsibility for failures.


Qual è un messaggio che vorresti dare ai tuoi fan?

What is a message you would like to give to your fans?


Non vedo l’ora di fare un concerto nella vostra zona per portarvi con me per sempre!


I can't wait to do a concert in your area to take you with me forever!


Qual è il prossimo per te? (Prossimo Progetto)

What’s next for you?


Usciranno altri singoli durante l’anno e vorrei fare più concerti seppure on line.


More singles will be released during the year and I would like to do more concerts, albeit online.

Instagram

Facebook

Translations have been edited for clarity


6 views0 comments

Recent Posts

See All