Search

Intervista con The Rideouts

Updated: Aug 18



I Rideouts sono un gruppo fondato nel 2003 da Max, in arte Massimiliano Scherbi. Tutto è iniziato con il suo viaggio a Liverpool dove, dopo diverse esperienze da solista e con altri gruppi, ha deciso di iniziare un nuovo progetto. Nel 2005, Max ha registrato quattro canzoni ai Crash Studios di Liverpool con la collaborazione di Jonathan Irving alla batteria. Questo primo EP contiene "Inside me", "(She fades away) Like the sun", "Going up in smoke", e "Heaven in disguise".


Nello stesso anno Max sente il bisogno di tornare in Italia e si unisce ai Tillamook, una band jazz/blues. Il gruppo si è esibito nel nord Italia e in diversi paesi europei come Croazia e Slovenia. Nel 2009 Tillamook ha partecipato e vinto le selezioni italiane dell'IBC (International blues challenge). Quel febbraio rappresentavano l'Italia a Memphis, nel Tennessee.


Nonostante la parentesi di Tillamook, Max non abbandonò il progetto The Rideouts. L'estate del 2009 ha visto l'inizio delle registrazioni di quello che diventerà l'album di debutto della band, "The storm after the calm". Con Andrea D'Ostuni alla batteria e Max alle chitarre, voce, percussioni e tastiere, l'album vede la luce verso la fine di quell'anno. Nel frattempo, l'esperienza Tillamook si è esaurita e anche Gianpiero de Candia ha deciso di far parte del progetto Rideouts.


I Rideout si sono distinti immediatamente. Le canzoni del loro primo album sono state trasmesse da stazioni radio in Inghilterra e negli Stati Uniti. Nel 2012 la band pubblica il secondo album, "All day & all night", ma questa volta alla batteria c'è Matteo Moggioli. Prima dell'uscita ufficiale dell'album, i ragazzi hanno presentato alcuni dei loro nuovi brani presso lo Studio Hendrix di Radio Capodistria. Questo secondo album ha regalato alla band importanti esibizioni: Music & LiveTour a Torino, Tour Music Fest a Padova, Roxy Bar e come supporter del concerto dei Nek al Pineta Club di Formentera.


Nel 2015 la formazione si amplia con Michela Grilli alla voce, Federico Gullo alla batteria e Andrea Radini alle chitarre. Il 25 gennaio 2016 è uscito il video di “Non basta” e la band si è esibita al Teatro Miela di Trieste in un concerto tutto esaurito per presentare il loro nuovo album “Heart & Soul”, uscito lo stesso giorno. Sempre nel 2016, i Rideouts hanno iniziato un tour in Inghilterra.


La band si è distinta e ha firmato diversi importanti contratti di distribuzione con agenzie britanniche e internazionali. Molti concerti e piccoli video sono usciti in questo periodo, fino al 2018 quando sono iniziate le registrazioni del quarto album.


Questa volta i Rideouts hanno cambiato modalità e invece di rilasciare subito tutte le canzoni, hanno puntato ad incuriosire il pubblico iniziando a pubblicare i singoli del 2019. Infine, a marzo 2021 è uscito l'album "Magical World". Il 23 luglio 2021, è uscito anche il nuovo singolo della band intitolato "You're love".



The Rideouts are a group founded in 2003 by Max, aka Massimiliano Scherbi. It all started with his trip to Liverpool where, after several solo experiences and with other groups, he decided to start a new project. In 2005, Max recorded four songs at the Crash studios in Liverpool with the collaboration of Jonathan Irving on drums. This first EP contains "Inside me", "(She fades away) Like the sun", "Going up in smoke", and "Heaven in disguise".


That same year, Max felt the need to return to Italy and joined Tillamook, a jazz/blues band. The group performed in northern Italy and several European countries such as Croatia and Slovenia. In 2009, Tillamook participated and won the Italian selections of the IBC (International blues challenge). That February, they represented Italy in Memphis, Tennessee.


Despite the Tillamook parenthesis, Max did not abandon The Rideouts project. The summer of 2009 saw the beginning of the recordings of what will become the band's debut album, "The storm after the calm". With Andrea D’Ostuni on drums and Max on guitars, vocals, percussion and keyboards, the album saw the light towards the end of that year. In the meantime, the Tillamook experience ran out and Gianpiero de Candia also decided to be part of the Rideouts project.


The Rideouts stood out immediately. The songs from their first album were broadcast by radio stations in England and the United States. In 2012, the band released their second album, "All day & all night", but this time Matteo Moggioli is on the drums. Before the official release of the album, the guys presented some of their new songs at the Studio Hendrix of Radio Capodistria. This second album bought the band important performances: Music & LiveTour in Turin, Tour Music Fest in Padua, Roxy Bar and as supporter of the Nek concert at the Pineta Club in Formentera.


In 2015 the line-up expanded with Michela Grilli on vocals, Federico Gullo on drums, and Andrea Radini on guitars. On January 25, 2016, the video of “Not enough” came out and the band performed at the Miela Theater in Trieste in a sold-out concert to present their new album “Heart & Soul”, which was released the same day. Also in 2016, the Rideouts began a tour in England.


The band stood out and signed several major distribution contracts with British and international agencies. Many concerts and small videos were released in this period, up to 2018 when the recordings of the fourth album began.


This time the Rideouts changed modes and instead of releasing all the songs immediately, they aimed to intrigue the public by starting to release the singles from 2019. Finally in March 2021, the album "Magical World,” came out. On July 23, 2021, the band's new single entitled "You're love" was also released.



Come si è formato il tuo gruppo?

How was your group formed?


Era il 2003, abitavo a Liverpool e un’esperienza musicale di cui avevo fatto parte si era appena conclusa. Sin da quando ero piccolo mi è sempre piaciuto scrivere musica oltre che suonarla, perciò ho visto questo avvenimento come un segno che mi ha convinto a iniziare un progetto tutto mio. Il nucleo dei The Rideouts sono io e intorno ad esso gravitano via via altri musicisti.


It was 2003, I was living in Liverpool and a musical experience I had been part of had just ended. Since I was little, I have always enjoyed writing music as well as playing it, so I saw this event as a sign that convinced me to start a project of my own. The core of The Rideouts is me and other musicians gravitate around it.


Dove ti è venuta l'idea del nome, The Rideouts?

Where did you get the idea of ​​the name, The Rideouts?


Stavo sfogliando il dizionario di slang inglese. Ero alla ricerca di un nome e cercavo ispirazione. Mi son detto “proviamo a vedere qui dentro sé trovo qualcosa di interessante”. Mi sono imbattuto in “rideout”. “Rideout” è un termine slang nel campo jazzistico che indica l’ultimo ritornello prima della chiusura di una canzone. La scelta del nome vuole volutamente richiamare la moltitudine di significati del verbo “to ride” ed evidenziare quanto questo si adatti al messaggio che voglio esprimere e condividere attraverso la mia musica. Come ad esempio viaggiare, venir trasportati, superare le difficoltà.


I was leafing through the English slang dictionary. I was looking for a name and looking for inspiration. I said to myself “let's try to see inside if I find something interesting”. I came across "rideout". "Rideout" is a slang term in the jazz field that indicates the last refrain before the end of a song. The choice of the name deliberately wants to recall the multitude of meanings of the verb “to ride” and highlight how well this fits the message I want to express and share through my music. Such as traveling, being transported, overcoming difficulties.


Come viene scritta la tua musica?

How is your music written?


Non c’è una regola fissa. A volte l’ispirazione mi viene mentre sto suonando il piano, altre volte la chitarra, e poi sopra ci scrivo il testo. Altre volte avviene il contrario: prima il testo e poi la musica.


There is no fixed rule. Sometimes inspiration comes to me while I'm playing the piano, other times the guitar, and then I write the lyrics on it. Other times the opposite happens: first the text and then the music.


Come descriveresti la tua musica a un nuovo ascoltatore?

How would you describe your music to a new listener?


Come la tua migliore amica, quella che soffre con te, che ti sta vicino nei momenti difficili e che proprio in questi frangenti ti aiuta a tirarti su, ti consola. Una persona che sa ascoltarti ma anche spronarti nel modo giusto quando ce n’è bisogno.


Like your best friend, the one who suffers with you, who is close to you in difficult moments and who in these situations helps you to cheer you up, consoles you. A person who knows how to listen to you but also to encourage you in the right way when there is a need.


Quale immagine pensi che trasmetta la tua musica?

What image do you think your music conveys?


Mi piace immaginare la mia musica come un quadro di arte moderna, quelle cose del tipo una tela bianca con solo alcune linee di colore. Poi ogni ascoltatore deve prendere questa tela e farla sua, riempiendo gli spazi vuoti con i colori e le forme che la mia musica gli/le ispira. Noi diamo le basi, il resto è libero.


I like to imagine my music as a modern art painting, those things like a blank canvas with just a few lines of color. Then each listener has to take this canvas and make it of him, filling the empty spaces with the colors and shapes that my music inspires him / her. We lay the groundwork; the rest is free.


Quali altre band ispirano la tua musica?

What other bands inspire your music?


Praticamente tutti i classici dagli anni ‘50 in poi ma non solo. Ci sono cose interessanti anche adesso: cito tra tutti i Rival Sons e i Black Keys. Non disdegno neppure altri tipi di musica come quelli di stampo più elettronico. Mi piacciono le contaminazioni musicali e sperimentare sempre nuove sonorità percui pesco un po’ ovunque.


Virtually all the classics from the 1950s onwards but not only. There are interesting things even now: I mention among all the Rival Sons and the Black Keys. I also do not disdain other types of music such as those of a more electronic mold. I like musical contaminations and always experimenting with new sounds, so I fish almost everywhere.


Dove ti sei esibito?

Where have you performed?


Italia, Inghilterra, Slovenia, Croazia, Stati Uniti, un’esperienza più bella dell’altra e soprattutto ognuna mi ha portato a crescere sia musicalmente che nel mio approccio al mondo musicale.


Italy, England, Slovenia, Croatia, the United States, one experience more beautiful than the other and above all each one has led me to grow both musically and in my approach to the musical world.


Come descriveresti una tipica giornata in studio?

How would you describe a typical day in the studio?


Difficile a dirsi perché non capita quasi mai di spendere una giornata in studio. In effetti l’unica cosa per la quale andiamo in studio è per registrare le parti di batteria. Preferisco registrare tutto a casa. Andare in studio significa prenotare la sala per quel giorno in quelle determinate ore. Non è detto poi che quel giorno sia ideale per comporre o registrare. Essere a casa significa che quando hai l’ispirazione basta che accendi il computer e la scheda audio e sei pronto.


Difficult to say because it almost never happens to spend a day in the studio. In fact, the only thing we go to the studio for is to record the drum parts. I prefer to record everything at home. Going to the studio means booking the room for that day at those certain times. It is not said that that day is ideal for composing or recording. Being at home means that when you have inspiration you just need to turn on the computer and the sound card and you are ready.


A cosa stai lavorando adesso?

What are you working on right now?


Diverse idee. Non mi fermo mai, per fortuna. Non ho ancora un’idea precisa di come sarà il prossimo lavoro, sto buttando giù delle bozze. Le mie ispirazioni al momento vanno dai Pink Floyd ai Kasabian, perciò è difficile dire quale strada prenderà il futuro album. Magari sarà un mix dei due? Chi lo sa?


Several ideas. I never stop, luckily. I still don't have a precise idea of what the next job will be like, I'm jotting down some drafts. My inspirations at the moment range from Pink Floyd to Kasabian, so it's hard to say which path the future album will take. Maybe it will be a mix of the two? Who knows?


Cosa fate quando non suonate?

What do you do when you're not playing?


Ognuno di noi ha un lavoro estraneo al mondo della musica. Personalmente sono un programmatore informatico. Quando finisce la giornata lavorativa nel mio caso torno a comporre e scrivere musica, che un giorno poi registreremo e suoneremo.


Each of us has a job unrelated to the world of music. Personally, I am a computer programmer. When the working day ends in my case I go back to composing and writing music, which one day we will then record and play.



Social Media:

Instagram

Facebook

Translations have been edited for clarity

14 views0 comments

Recent Posts

See All