IMG_20220307_235948_470.jpg

“THIS WAY THAT WAY”
The new EP from
Blue Collar

March 15, 2022

After the publication of his first Ep, “Prometheus,” Blue Collar has returned to the scene with his second one titled, “THIS WAY THAT WAY.”

 

Composed of four tracks, the EP suggests to the listener the direction to follow so that he understands where he is, why he does not hesitate to find the way: each note refers to the krautrock par excellence (that of Berlin to love), to the Göethe of Elective Affinities (and the literary beauty he praised so much that he inspired the titles of the songs) and the Bowie of the times of tireless experimentation, those of Low. The semantic space is vast, it is mainly given by the mad love manifested for German culture and his language.

 

Co-produced by Rome in Reverse, TWTW comes out at the hands of the TelaVivi Records collective of which it is now a trusted member.

 

Blue Collar is not simply a nom de plume, it is rather an ambition, a declaration of intent and identity of a musician who professes his artistic belief.

 

Strange days for the artistic profession, isolation frees inspiration from contingencies. Blue Collar imagines a path that contemplates sacrifice, complete dedication to the achievement of a form of supreme good.

 

If these words reminded you of the Zeitgeist of another space-time you are not wrong, the coordinates of Blue Collar are Central European.


Dopo la pubblicazione del suo primo Ep, Prometheus, torna sulle scene Blue Collar con il suo sophomore dal titolo This way, that way.


Composto da quattro tracce, l'Ep suggerisce all’ascoltatore la direzione da seguire perché capisca dove si trova, perché non esiti nel trovare la strada: ogni nota rimanda al krautrock per antonomasia (quello della Berlino da amare), al Göethe delle Affinità Elettive (e alla bellezza letteraria dallo stesso tanto elogiata che fa da spunto ai titoli dei brani) e al Bowie dei tempi della sperimentazione instancabile, quelli di Low. Lo spazio semantico è vasto, è dato principalmente dal folle amore palesato per la cultura tedesca e per la sua lingua.


Co-prodotto da Rome in Reverse, TWTW esce per mano del collettivo TelaVivi Records di cui è ormai un fido componente.


Blue Collar non è semplicemente un nom de plume, è piuttosto un’ambizione, una dichiarazione d’intenti e identità di un musicista che professa il suo credo artistico.


Strani giorni per la professione artistica, l’isolamento libera l’estro dalle contingenze. Blue Collar immagina un percorso che contempla il sacrificio, la completa dedizione per il raggiungimento di una forma di bene supremo.


Se queste parole vi hanno ricordato lo Zeitgeist di un altro spazio-tempo non avete torto, le coordinate di Blue Collar sono mitteleuropee.