275889998_361562732532221_7827689504574693289_n.jpg

"Timeline"
The new EP from
INTOTHEVOID

March 21, 2022

INTOTHEVOID is Corrado Calice. He is a guitarist, a fanatic of post-rock music. Italian by birth, he left for Scandinavia with luggage full of dreams, all except that of a musical career that will later prove to be one of his greatest aspirations thanks to the meeting with Rome in Reverse, his friend and producer of electronic music in the dynamic city of Copenhagen, who co-produced the first group of pieces by INTOTHEVOID.

 

Calice began experimenting with musical software, making them react with a very personal reinterpretation of post rock, deep and melancholy. Concrete instruments meet electronic beats and the biting voice of synths. The intimate atmosphere is ambient and highly evocative.

 

The inspiration for the writing of Timeline Ep is generated in a moment of great personal changes for Calice, and from the voids created by the absences. The background is the beginning of the end of the pandemic, and the beginning of the Russia-Ukraine crisis, a period of extreme concern. The awareness of not being able to learn from the past, not being able to enjoy the present and living tomorrow with uncertainty and confusion. The reflection that Timeline Ep tries to provoke is on the transience of time. On its schematic and cyclical dimension opposed to its unpredictability.


The message is that immobility does not pay. Even in the face of the passage of time, trapped in a linear repetition of events, one must be the architects of one's own destiny, and modify its results. Accept changes of direction ("Twist of fate"), observe, and react to events ("Window on the time-warp”).

 

On a musical level, the second EP of INTOTHEVOID denotes a fair maturation, the ambient atmosphere, highly emotional, is a constant background. The rhythm sections mark a growing pathos, with the peak in “The future is almost there”. The innovation, compared to previous works, is in the abundant use of acoustic guitars. Sometimes sweet and melancholic, often enriched with multiple effects, but also left free to scratch and dirty.



INTOTHEVOID è Corrado Calice. È un chitarrista, un fanatico della musica post-rock. Italiano di nascita, parte per la Scandinavia con un bagaglio pieno di sogni, tutti tranne quello di una carriera musicale che si rivelerà poi una delle sue più grandi aspirazioni grazie all'incontro con Rome in Reverse, suo amico e produttore di musica elettronica nel città dinamica di Copenaghen, che ha co-prodotto il primo gruppo di brani di INTOTHEVOID.


Calice inizia a sperimentare software musicali, facendoli reagire con una personalissima reinterpretazione del post rock, profondo e malinconico. Strumenti concreti incontrano ritmi elettronici e la voce pungente dei sintetizzatori. L'atmosfera intima è ambient e altamente evocativa.


L'ispirazione per la stesura di Timeline Ep si genera in un momento di grande personalita' cambiamenti per Calice, e dai vuoti creati dalle assenze. Lo sfondo è l'inizio della fine della pandemia e l'inizio della crisi Russia-Ucraina, un periodo di estrema preoccupazione. La consapevolezza di non poter imparare dal passato, di non poter godere del presente e di vivere il domani con incertezza e confusione. La riflessione che Timeline Ep cerca di provocare è sulla caducità del tempo. Sulla sua dimensione schematica e ciclica contrapposta alla sua imprevedibilità.


Il messaggio è che l'immobilità non paga. Anche di fronte allo scorrere del tempo, intrappolati in una lineare ripetizione degli eventi, bisogna essere artefici del proprio destino, e modificarne i risultati. Accetta i cambi di direzione ("Twist of Fate"), osserva e reagisci agli eventi ("Finestra sulla distorsione temporale").


A livello musicale, il secondo EP di INTOTHEVOID denota una discreta maturazione, l'atmosfera ambientale, fortemente emotiva, fa da sottofondo costante. Le sezioni ritmiche segnano un pathos crescente, con il picco in “Il futuro è quasi arrivato”. L'innovazione, rispetto ai lavori precedenti, sta nell'abbondante uso di chitarre acustiche. A volte dolce e malinconico, spesso arricchito da molteplici effetti, ma anche lasciato libero di graffiare e sporcare.